Statuto

STATUTO AGENVA

Statuto approvato dall’assemblea straordinaria in data 26 aprile 2006

Art. 1
(Denominazione dell’Associazione)

In riferimento alla L.R. n° 1 gennaio 2003 e modifiche successive, è costituita l’Associazione Guide Escursionistiche Valle d’Aosta (AGENVA).
L’Associazione è assoggettata alle normative dell’Unione Europea, e alle vigenti leggi della Repubblica Italiana e della Regione Autonoma Valle d’Aosta.

Art. 2
(Sede dell’A.G.E.N.V.A.)

L’Associazione ha sede in Aosta. Il Consiglio Direttivo potrà istituire sedi secondarie ed uffici di rappresentanza, variare la sede dell’Associazione nell’ambito della Regione Valle d’Aosta, dandone comunicazione agli associati e agli uffici interessati.

Art. 3
(Distintivo e divisa professionale)

L’ AGENVA adotta un distintivo e una divisa professionale in base alle norme stabilite dal regolamento interno dell’associazione.

Art.4
(Scopi sociali)

L’associazione è apartitica, apolitica e senza fini di lucro.
Scopi dell’Associazione sono:
a) Tutelare gli interessi morali ed economici della categoria;
b) Proporre alla struttura competente dell’Amministrazione regionale una adeguata formazione professionale e il miglioramento delle condizioni per l’esercizio della professione;
c) Proporre alla giunta regionale le tariffe annuali per la categoria come stabilito dalla legge regionale;
d) Coordinare le iniziative di carattere culturale e ricreativo, utili alla promozione del turismo (convegni, conferenze, dibattiti, proiezioni, ecc.);
e) Promuovere una maggiore sensibilità al problema della conservazione e protezione della natura;
f) Contrastare la concorrenza sleale e l’abusivismo;
g) Collaborare con tutti coloro che operano nel settore naturalistico e turistico;
h) Promuovere la figura professionale della Guida Escursionistica Naturalistica a livello regionale e/o nazionale attraverso i mezzi di divulgazione.

Art. 5
(Associati all’AGENVA)

Le guide escursionistiche naturalistiche in regole con i requisiti previsti dalla legge regionale;
l’adesione all’AGENVA avviene su richiesta scritta inoltrata al Consiglio Direttivo dalle singole guide;
L’AGENVA è il legale rappresentante di tutti gli associati.

Possono essere associati:
a) con diritto di voto tutte le guide escursionistiche naturalistiche della Valle d’Aosta iscritte all’elenco regionale e all’AGENVA
b) senza diritto di voto le guide escursionistiche naturalistiche della Valle d’Aosta in possesso della sola abilitazione.
c) onorari, senza diritto di voto, le persone ritenute particolarmente qualificate dal Direttivo.

Art. 6
(Adesione ad altri enti)

L’associazione Guide Escursionistiche Naturalistiche della Valle d’Aosta potrà associarsi ad altri Enti e Associazioni aventi scopi analoghi.

Art. 7
(Perdita della qualità di Associato)

La qualità di Associato AGENVA si perde:
a) Per dimissioni volontarie presentate per iscritto al Direttivo.
b) Per decadenza nel caso in cui si perdano taluni dei requisiti della L.R. n° 1 del Gennaio 2003.
c) Per decadenza nel caso in cui si ometta di versare la quote associativa, secondo le modalità definite dal regolamento.
d) Per comprovato danneggiamento con atti parole o fatti dell’immagine della Associazione e dei suoi associati.
La decadenza di cui ai punti b), c), d), è pronunciata dal Direttivo.
Contro la decadenza di cui al punto d) è previsto ricorso presso il Collegio dei Probi Viri.

Art. 8
(Doveri degli associati)

Le guide iscritte all’associazione si impegnano:
a) ad esercitare la professione nel rispetto delle normative vigenti, delle direttive emanate dagli organi sociali;
b) a mantenere un comportamento consono alla dignità professionale;
c) a prendere parte attiva alla vita sociale;
d) ad aderire alle iniziative suggerite dal Direttivo;
e) a pagare la quota associativa.

Art. 9
(organi dell’Associazione)

Sono organi sociali:
a) L’Assemblea degli Associati;
b) Il Consiglio direttivo;
c) Il Presidente;
d) Vicepresidente;
e) Il Collegio dei revisori dei Conti;
f) Il Collegio dei Probi Viri

Art.10
(Assemblea degli Associati)

L’assemblea è l’organo supremo dell’Associazione ed è sovrana , fornisce tutte le direttive necessarie alla realizzazione degli scopi associativi.
Essa è composta da tutti gli associati in regola con gli obblighi associativi.
Ogni associato ha diritto al voto ed è ammessa una sola delega.
L’assemblea ordinaria è convocata dal presidente una volta all’anno per l’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo entro il 30 aprile.
Il Presidente convoca l’assemblea ordinaria mediante avvisi scritti contenenti l’ordine del giorno degli argomenti da trattare, inviata almeno 10 giorni prima della data stabilita. La convocazione conterrà l’ordine del giorno, la data, ora e luogo della riunione.
Il Presidente convoca l’assemblea straordinaria ogni volta che lo ritenga utile o che un terzo degli associati aventi diritto di voto lo richieda con richiesta scritta e motivata.
L’assemblea è presieduta dal Presidente.
Nel caso di votazioni segrete lo stesso nominerà una commissione scelta tra i presenti per lo spoglio delle schede.

Art. 11
(Competenze dell’Assemblea)

L’Assemblea ha il compito di:
a) Eleggere il Direttivo tra i candidati in regola con gli obblighi associativi;
b) Approvare il bilancio preventivo;
c) Approvare il bilancio consuntivo;
d) Approvare le linee generali del programma dell’attività;
e) Deliberare su tutte le questioni inerenti l’attività sociale;
f) Eleggere il collegio dei revisori dei conti;
g) Eleggere il Collegio dei Probi Viri

Art. 12
(Deliberazioni dell’Assemblea)

Le deliberazioni dell’Assemblea generale sono valide quando:
a) In prima convocazione vi sia la presenza di 1/3 degli associati aventi diritto al voto;
b) In seconda convocazione, convocata un’ora dopo la prima, le deliberazioni sono validamente assunte con la maggioranza semplice dei presenti all’Assemblea.
Per le modifiche allo statuto l’Assemblea è valida con la presenza di 1/3 degli associati.

Art. 13
(Consiglio Direttivo)

a) Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di 7 ad un massimo di 11 componenti, ma sempre in numero dispari, eletti dall’Assemblea su candidatura delle singole guide associate.
b) Il Consiglio dura in carica tre anni ed i suoi componenti sono eleggibili per un massimo di due mandati consecutivi.

Art. 14
(Modalità di elezione del Direttivo)

a) I componenti del Direttivo sono eletti su presentazione di candidatura il giorno dell’Assemblea con presentazione del candidato, salvo per gli assenti all’Assemblea, che possono presentare candidatura scritta cinque giorni prima della data stabilta per l’Assemblea.
b) Ogni associato può esprimere una preferenza.

Art. 15
(Competenze del Consiglio direttivo)

I compiti del Consiglio Direttivo sono:
a) Eleggere tra i suoi componenti il Presidente, il Vice Presidente e il segretario-tesoriere;
b) Stabilire le indennità di rimborso spese per i propri componenti;
c) Ratificare l’ammissione dei nuovi associati;
d) Proporre alla struttura competente l’importo delle tariffe professionali;
e) Approvare i regolamenti interni;
f) Deliberare su tutto ciò che non è di competenza dell’Assemblea generale, del Presidente e del Vice Presidente.
Art. 16
(Competenze del Presidente e Vice-Presidente)

Il Presidente rappresenta l’Associazione, la dirige in tutte le attività conformi agli scopi sociali, convoca le assemblee, redige l’ordine del giorno e presiede le discussioni.
Il Vice-Presidente sostituisce il presidente in tutte le sue funzioni in caso di assenza o di impedimento.
Art. 17
(Collegio dei Revisori dei Conti)

Compongono il Collegio dei Revisori dei Conti tre membri più uno supplente eletti dall’assemblea .
Il Collegio dei Revisori dei Conti rimane in carica due anni e i suoi membri sono rieleggibili.
La carica di revisore dei conti è incompatibile con qualsiasi altro incarico sociale.

Art. 18
(Competenze dei Revisori dei Conti)

È compito del Collegio dei revisori dei conti il controllo e la sottoscrizione dei bilancio consuntivo e preventivo dell’associazione

Art. 19
(Segretario-Tesoriere)

a) Il Segretario-Tesoriere è responsabile dei registri, inventari e documenti concernenti l’amministrazione dell’Associazione;
b) Egli tiene la corrispondenza e redige i verbali delle riunioni;
c) E’ depositario dei fondi dell’Associazione, riscuote le quote, rilascia le relative ricevute, paga le spese autorizzate dal Presidente.
d) Redige i bilanci annuali che saranno controllati e vistati dai Revisori dei Conti

Art. 20
(Collegio Dei Probi Viri)

a) Il Collegio dei Probi Viri è composto da tre associati eletti dall’Assemblea;
b) La carica dei Probi Viri non è compatibile con altre cariche sociali;
c) È compito del Collegio dei Probi Viri eleggere il proprio presidente, al suo interno.

Art. 21
(Quota associativa)

La quota associativa è fissata annualmente dall’Assemblea ordinaria, su proposta del Consiglio Direttivo, e deve essere versata dagli Associati al Segretario-Tesoriere entro il 30 aprile di ogni anno.
Art. 22
(Entrate dell’Associazione)

Le entrate dell’Associazione saranno formate da:
a) quote associative;
b) contributi e donazioni provenienti da Amministrazioni, collettività o singole persone;
c) rendite dei suoi beni.

Art. 23
(Scioglimento dell’Associazione)

Lo scioglimento dell’Associazione viene deliberata dall’Assemblea con le seguenti modalità:
a) In prima convocazione con presenza del 50% più uno degli Associati.
b) In seconda convocazione, convocata un’ora dopo la prima, la deliberazione è valida con la presenza di almeno 1/3 degli associati, e validamente assunta con la maggioranza dei 2/3 dei presenti.
c) I beni patrimoniali dell’Associazione verranno devoluti a Enti od Associazioni a indirizzo naturalistico.
Non sono valide le deleghe per lo scioglimento dell’Assemblea.

Art.24

Per tutto ciò che non è contemplato nel presente statuto si fa riferimento al Codice Civile e alle leggi vigenti.